spot_img

La quinta settimana di gravidanza

La quinta settimana di gravidanza tendenzialmente è quella in cui si scopre di essere in due, a causa del ritardo del ciclo e dei primi (forse lievi) sintomi che fanno pensare ad una gestazione in corso. Ma cosa succede in questi giorni? Il bimbo, pur non avendo ancora fatto il test, si sta già formando? E come si sente la mamma? 

Ecco dunque cosa accade al corpo della madre e, soprattutto, all’embrione che si sta già formando all’interno dell’utero durante la quinta settimana di gravidanza.

La quinta settimana di gravidanza: cosa accade a mamma e bambino durante la quinta settimana di gravidanza

Il test di gravidanza

Solitamente la quinta settimana di gestazione è quella in cui si scopre di essere incinte. Questo perché, per quanto riguarda chi ha cicli regolari, si tratta della settimana successiva al ritardo. 

La gravidanza, infatti, viene calcolata a partire dal primo giorno dell’ultimo ciclo mestruale. Alla fine della quarta settimana dovrebbero arrivare le mestruazioni, e, quando non arrivano, dopo qualche giorno si fa il test, scoprendolo positivo.

Questo significa che nelle due settimane precedenti l’embrione fecondato si è impiantato nell’utero e che sta iniziando ora a svilupparsi.

I primi giorni di gravidanza

In questi giorni della quinta settimana di gravidanza il seno è spesso dolorante e teso (oltre che più voluminoso), e allo stesso tempo i capelli e la pelle sono radiosi. Potrebbe darsi che compaiano le prime nausee mattutine e che faccia capolino una stanchezza inusuale che porta ad una sonnolenza lungo tutta la giornata.

Gli sbalzi d’umore sono poi all’ordine del giorno così come i piedi gonfi, a causa dell’aumento del progesterone.

Tutti questi possono quindi essere i primi segnali di gravidanza anche prima del test.


Cosa succede al bambino nella quinta settimana

L’embrione in questo momento ha ancora la forma di un girino, è grande più o meno 1-2 millimetri 

Nel frattempo comincia a formarsi anche il cordone ombelicale, prima fonte di nutrimento, un piccolo tubo che crescerà con il bambino e che permetterà all’ossigeno e ai nutrienti di passare dalla madre al bambino. 

È in questo periodo che ha luogo l’organogenesi, ovvero la formazione degli arti superiori e inferiori, insieme al sistema nervoso (con il tubo neurale che originerà il cervello e il midollo) e all’apparato digerente. E alle fessure che diventeranno poi le orecchie (poiché in questi giorni si sta definendo anche la testa).

Il cuore si sta già formando (anche se per adesso ha la forma di un tubicino) e ora batte a una velocità doppia rispetto a quello adulto.

spot_img

Tag più popolari

spot_img
spot_img

Potrebbero interessarti...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here