Lo sviluppo cognitivo del bambino che passa dai nostri movimenti

Il titolo parla chiaro: lo sviluppo mentale dei nostri bambini passa anche dai movimenti che facciamo noi e che loro, durante il loro primo anno di vita, osservano e immagazzinano. E non solo lo sviluppo cognitivo che porterà al moto armonico, ma anche lo sviluppo della mente nella sua interezza. 

Come? Così.

Lo sviluppo cognitivo del bambino che passa dai nostri movimenti: perché ciò che compiamo attorno al bambino è fondamentale per la sua crescita

Lo sviluppo cognitivo del bambino

Durante il primo anno di vita, il bambino acquisisce competenze di varia natura, da quelle motorie a quelle mentali, da quelle emotive a quelle relazionali. Durante i primi due mesi acquisisce quindi  alcune abilità visive (prima periferiche e poi centrali), riconoscendo i volti e il proprio corpo. Dopodiché, nei mesi successivi integra anche gli altri sensi, come il gusto e l’udito, associando il tutto a ciò che vede. 

Piano piano, poi, sviluppa le competenze motorie gattonando e camminando, afferrando oggetti e muovendoli. Allo stesso tempo, inizia ad abbinare i suoni ai significati, i gesti alle espressioni dei volti che vede, e così via.

Ciò che accade attorno a lui

Oltre a queste tappe dello sviluppo armonico, molto importante è ciò che accade attorno a lui, poiché il bambino è molto attento ai movimenti che lo circondano e riconosce ciò che è finalizzato al suo benessere, distinguendo, cioè, i gesti che i genitori o le persone che se ne prendono cura compiono per farlo stare bene. Tutto questo in un processo istintivo di relazione causa-effetto, poiché la sua mente comincia ad associare ai gesti la sensazione di benessere che ne deriva.

Oltre all’istintivo benessere, tuttavia, questi gesti che accadono sono fondamentali per lo sviluppo cognitivo. In primis per il discorso causa-effetto, che comincia pian piano a stimolare il cervello a riconoscere situazioni di quel tipo, e in secondo luogo per l’imitazione.

L’importanza dell’imitazione

Il bambino per crescere armoniosamente ha bisogno di osservare gli adulti attorno a lui e di imitarli. Prima di tutto nelle parole, ma anche e soprattutto nei gesti che i suoi muscoli gradualmente cominciano ad imitare. Sono prime, piccole esperienze di movimento che scatenano a domino altre esperienze, causando direttamente e indirettamente lo sviluppo cognitivo e mnemonico. 

Le mappe mentali

Proprio come quando da più grandi si studia, la mente del bambino osservando i movimenti degli adulti attorno disegna delle mappe logiche necessarie allo sviluppo cognitivo: le cause e gli effetti, i prima e i dopo, le relazioni spaziali… Il tutto intrecciando le sensazioni esterne a quelle interne del proprio corpo. 

spot_img

Tag più popolari

spot_img

Potrebbero interessarti...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here